Alimenti per bambini per età

Pappa 5 mesi – Nutrire bene un bambino di 5 mesi

Pappa 5 mesi

Se non avete ancora iniziato la diversificazione alimentare, questo mese iniziate l’introduzione graduale di cereali, verdure e frutta. Per i bambini diversificati a 4 mesi, il bambino può ora scoprire, poco a poco, il pesce, la carne e l’uovo. Facciamo il punto.

 

Ci sono stati molti cambiamenti nel modo di mangiare del vostro bambino, che ora pesa quasi 6,7 kg (peso medio). Il latte (materno o artificiale) rimane l’alimento principale.

Leggi pure L’alimentazione del bambino a 1 mese

Iniziare a diversificare a 5 mesi

Alimenti da introdurre

  • Cereali 1er età senza glutine
  • Verdura e frutta. Si possono offrire tutte le verdure (fagiolini, zucchine, carote…). Variateli ogni giorno. All’inizio, però, evitate quelli troppo ricchi di fibre o dal sapore troppo forte (cavoli, rape, ecc.).

Il vostro bambino è allattato al seno

Continuate ad allattare amichevolmente. Fate capire al bambino che ci sono momenti in cui deve nutrirsi. Gradualmente capirà che non può più disturbarvi di notte per mangiare.
Iniziate a diversificare all’ora di pranzo con un purè, prima o dopo l’alimentazione. Offrite una sola verdura al giorno, in modo che possa distinguere i sapori specifici di ogni alimento.. Preferibilmente cuocere le verdure a vapore, quindi frullarle finemente, senza aggiungere sale o acqua di cottura. Aggiungere un cucchiaino di olio (preferibilmente di colza). Si possono aggiungere anche cereali non zuccherati 1er Età senza glutine.

Aspettate circa due settimane prima di dare al bambino i primi spuntini. Somministrare sempre un sapore alla volta.

Il bambino viene allattato con il biberon

Il bambino riceve 4 pasti al giorno. Aggiungere cereali 1er Al bambino deve essere somministrato un alimento senza glutine nel biberon da 210 ml al mattino e/o alla sera. A pranzo, potete dargli gradualmente un purè misto (da 100 a 150 g circa). Ogni volta una verdura diversa. Inizialmente, continuare a somministrare un biberon di latte per lattanti 1er Al bambino devono essere somministrati 210 ml a quattro ore di età. Due settimane dopo l’inizio della diversificazione, offrire una composta di frutta (100 g). Come per le verdure, cambiatele ogni giorno.

Se il bambino si rifiuta di assaggiare un nuovo alimento, non forzatelo.Se il bambino si rifiuta di provare un nuovo alimento, non forzatelo e proponeteglielo di nuovo due o tre giorni dopo e così via finché non lo accetta. Ricordate anche di offrire acqua durante e tra i pasti.

Seguire la gravidanza settimana per settimana

Continuate a diversificare

Alimenti da introdurre

  • Carne
  • Il pesce
  • L’uovo
  • Latte 2ème età (dopo la prima cucchiaiata)

I pasti del bambino

Mattina Mantenere la poppata mattutina per i bambini allattati al seno. Per gli altri, la colazione consiste in un biberon (210 ml di latte per lattanti 1er età) con cereali senza glutine 1er età (2 cucchiai).

Ora di pranzo Un passato di verdure con due cucchiaini di carne o pesce o un quarto d’uovo. Si noti che a questa età, la percentuale di proteine animali diverse dal latte è calcolata nell’anno di età corrente. Durante il primo anno, il bambino ha diritto a 10 g al giorno. Per dessert, dare una piccola composta di frutta.

All’ora della merenda Una composta di frutta (preferibilmente fatta in casa) e mezzo biberon di latte per bambini (o una pappa).

A cena Un biberon da 210 ml di latte per lattanti con cereali 1er Età senza glutine (2 cucchiaini) o un mangime.

Dopo aver dato al bambino il suo primo pasto completo con il cucchiaio, si può passare a 2e età.

Offrire acqua durante i pasti e tra i pasti.

Alimenti vietati o limitati

Non introdurre alimenti diversi da cereali, frutta, verdura, carne e pesce. Evitate le verdure dal sapore troppo forte e ad alto contenuto di fibre. Non mangiare frattaglie. Non sono adatti ai bambini. Lo stesso vale per i salumi, troppo ricchi di grassi saturi e di sale.. Sebbene sia comune vedere il prosciutto nei piatti dei bambini, non è la carne migliore per loro. Scegliere carni rosse e pollame, senza aggiungere grassi durante la cottura. Optate per la cottura plancha o a vapore, quindi mescolate il vostro piatto.

Un’altra regola: Date al vostro bambino del pesce due volte alla settimana, ma non di più.. Espone maggiormente il bambino all’inquinamento da metalli pesanti e PCB. Evitare pesci longevi come carpe, orate e predatori selvatici (tonno, squalo, pesce spada, luccio, ecc.). Tuttavia, il pesce è importante per i giovani. Se non si dà al bambino una quantità sufficiente di pesce, è possibile che abbia una carenza di acidi grassi polinsaturi a catena lunga. Sono coinvolti nella formazione delle membrane cellulari e nello sviluppo del cervello. Per una dieta equilibrata, scegliere un pesce grasso a giorni alterni (salmone, sgombro, aringa, sardine, ecc.) e l’altro giorno un pesce magro (nasello, sogliola, ecc.).

Integrazione di vitamina D

Continuate a integrare il vostro bambino con la vitamina D. La vitamina D è essenziale per legare il calcio alle ossa e aiuta a prevenire il rachitismo. Attenzione: i bambini allattati con il biberon ricevono una dose inferiore, poiché la vitamina D viene aggiunta al latte artificiale.

Il bambino sputa spesso: cosa fare?

Se alcuni bambini hanno piccoli e innocui rigurgiti alla fine dei pasti, altri soffrono di veri e propri rigurgiti. Per alleviarli, esistono latti di amido appositamente addensati o latti AR (antirigurgito) addensati con carruba o con alte dosi di amido, venduti solo in farmacia. L’unico inconveniente è che l’amido può causare stitichezza. La carruba, invece, può causare coliche, gas e feci molli. Una buona alternativa: i latti misti (amido + carruba), che sono piuttosto ben tollerati dai bambini.

Altri consigli per limitare i rigurgiti:

  • Dare un biberon caldo
  • Fare delle pause durante la poppata per far uscire l’aria.
  • Scegliere le bottiglie con valvola
  • Non strizzare il pannolino del bambino, per evitare compressioni addominali. Mantenere lo spazio tra il pancino e il pannolino a 3 dita (circa 4 cm).

Quando il pannolino comprime il pancino del bambino, il cibo viene spinto fuori quando il bambino piange, tossisce, spinge o si muove.

Potrebbe anche interessarti...